venerdì 24 giugno 2011

Focaccia genovese

Per noi genovesi la focaccia è sacra! Non è mai facile trovare un fornaio che la faccia bene, ovviamente c'è a chi piace più alta e a chi più bassa, più secca o più morbida, ma la cosa fondamentale è che ci siano i buchi bianchi, che rendono davvero unica e saporita la nostra focaccia! Noi genovesi la mangiamo così, senza niente, a colazione come a merenda o all'aperitivo, si trova sempre un buon motivo per assaggiarne almeno un pezzetto... ;)


Se è difficile trovare un fornaio che la faccia bene, mai avrei immaginato di raggiungere a casa un livello così alto, da poter competere persino con le migliori focaccerie genovesi! Tutti i segreti me li ha svelati Vittorio con il suo video dove spiega passo passo come fare http://vivalafocaccia.com/2009/09/21/la-video-ricetta/

Ingredienti per una leccarda da forno

250 gr acqua
25 gr olio extra vergine di oliva
9 gr sale
1 cucchiaino di malto (o di miele di acacia)
400 gr di farina (2/3 farina 00 e 1/3 farina manitoba) (o anche fino a 440 gr, a seconda dell’umidità della farina)
7 gr lievito secco


Nelle prossime immagini ho usato doppia dose.

Preparazione (in tutto ci vogliono quasi 4 ore):

1. Fare l'impasto (20 minuti)
L'acqua in inverno deve essere appena tiepida, d'estate va bene a temperatura ambiente.
Mettere l'acqua in una ciotola, prelevarne una parte con cui sciogliere il lievito secco.
Aggiungere l'olio, il sale e il malto (o il miele) all'acqua e circa metà della farina. Impastare per pochi minuti, giusto per amalgamare bene. Quindi aggiungere il lievito sciolto nell'acqua e la restante farina un cucchiaio alla volta continuando ad impastare. Impastare per circa 15 minuti.




 

2. Riposo 15 minuti
L'impasto sarà ancora molto morbido, spostarlo sul piano infarinato, coprirlo con un canovaccio e lasciarlo riposare per 15 minuti.

  
3. Mettere sulla leccarda unta
Dopodichè, fare una o due pieghe all'impasto per fargli prendere un po' di forza, cospargere bene d'olio la leccarda, appoggiarvi sopra l'impasto e rigirarlo, in modo da ungerlo per bene da entrambi i lati (oppure spennellare d'olio anche la parte superiore dell'impasto). L'impasto così bello unto non seccherà durante il riposo e rimarrà bello morbido da lavorare.


4. Riposo 50-60 minuti
Porre la leccarda nel forno spento (eventualmente prima scaldarlo a circa 30 gradi d'inverno e spegnerlo). Lasciar lievitare per 50-60 minuti.


5. Schiacciare e salare
Riprendere la leccarda, controllare che sia tutta unta bene, iniziare a schiacciare l'impasto con le dita senza tirarlo, in modo che vada a riempire tutta la superficie. Salare bene la superificie.


6. Riposo 30-40 minuti
Rimettere a riposare in forno spento per altri 30-40 minuti.
Io la focaccia la preferisco normale, ma se la si vuole fare con le cipolle, nel tempo di riposo la si può preparare. Prendere una bella cipolla bianca grande, tagliarla a metà, fare delle fettine sottili, condirle con un po' di sale e di olio. D'inverno è meglio scaldarle leggermente al microonde per evitare di raffreddare l'impasto lievitato. Tenere da parte.

7. Fare i buchi
Una volta lievitata, si passa alla fase più importante: fare i buchi. Prima di tutto cospargere con acqua tiepida (circa 40gr) e con olio, accarezzando bene la pasta per distribuire uniformemente il liquido. Quindi fare dei movimenti con le dita sicuri, con i polpastrelli piatti, in modo da fare dei buchi profondi, dove il liquido va a depositarsi. A questo punto, se si vuole, aggiungere la cipolla.



8. Riposo 60 minuti
Rimettere di nuovo a lievitare per altri 60 minuti.

9. Cuocere per 12-15 minuti
Preriscaldare il forno a 250 gradi e cuocere per circa 12-15 minuti. Una volta sfornata, togliere dalla leccarda e lasciarla qualche minuto su una griglia dove possa prendere aria anche sotto. E infine... mangiarla! :D SQUISITA!!! :D

In forno durante la cottura:


Appena sfornata:



Quasi finita!


Provatela, e da allora capirete perchè noi genovesi siamo tanto orgogliosi della nostra focaccia!



Con questa ricetta partecipo al contest di Imma:

15 commenti:

  1. Complimenti, è spettacolare!

    RispondiElimina
  2. Ciao carissima
    focacce pseudo-genovesi ne ho provate alcune, ma se una genovese come te mi dice che è buona non posso far altro che crederci ...... quindi prometto che quanto prima la provo (oggi non arrivo è troppo tardi ...... e poi ho già impastato la pizza!!!) e poi ti faccio sapere

    buon weekend
    un abbraccio
    Manu

    ps: complimenti ed auguri per il nuovo lavoro, che ti sappia dare le soddisfazioni che meriti

    RispondiElimina
  3. buona,e complimenti per la descrizione passo passo!!

    RispondiElimina
  4. a quest'ora ho fame , che buona!

    RispondiElimina
  5. Complimenti, che precisione! Bellissimo blog, soprattutto perchè adoro la Liguria!





    lacenanellafrateria.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Mi sembra assolutamente perfetta, e poi vista la fonte non resta che provarla ;-)

    RispondiElimina
  7. @Barbara: grazie!

    @Manu: provala, ti assicuro che è veramente LEI!!! E grazie per l'incoraggiamento per il nuovo lavoro!

    @Mirtilla: grazie carissima!

    @Mary: ne vuoi una fetta? :P

    @fra' Simone: anch'io adoro Genova e la Liguria!

    @arabafelice: mi raccomando, se la provi fammi sapere, ne sarei felicissima! :k

    RispondiElimina
  8. Io ADORO la focaccia genovese,quando mi capita di andare a Santa margherita mi imbottisco di focacce,c'è una panetteria deliziosa che ne fa di squisite............Certa che la tua ricetta sia eccezionale la preparerò passo passo.....:k

    RispondiElimina
  9. Ciao, è la mia stessa ricetta......davvero superba vero?
    Ed io, mangiona di focaccia, ne ho provate un sacco!!!!!

    RispondiElimina
  10. mmh, sì. la focaccia per me deve essere così: piena di buchi belli unti in cui immergere la lingua e troare magari un bel pezzettino di sale che lì si era nascosto. che fameeee

    sere

    RispondiElimina
  11. focaccia eccezionale! passa a vedere anche la mia!

    staserasicenadanoi.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. ciao, ne sò qualcosa di focaccia sono di La Spezia e provo solo tanta tristezza per quelle persone che non possono scendere dal fornaio e mangiarla bella calda o con la mortadella, la nutella, nel latte buonaaaaaaa bella unta. Vai con la focaccia nello zaino e spiaggia. Tanti baci Anna Maria

    RispondiElimina
  13. Anche Moreno ha fatto la focaccia questa settimana...ma quant'è buona??
    :) grazie della ricetta!

    RispondiElimina
  14. :o E' semplicemente meravigliosa!!!
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
  15. La ricetta è un po' laboriosa ma ne vale proprio la pena! Complimenti! ;)

    RispondiElimina